L'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima (CNR-ISAC) promuove e sviluppa una comprensione scientifica integrata dell'atmosfera, dell’oceano e dei loro processi, tramite un approccio multidisciplinare che combina capacità scientifiche e tecnologiche nei settori della meteorologia, della climatologia, della dinamica dell'atmosfera, della composizione chimica, e dell'osservazione della terra, realizzando ricerca fondamentale teorica, sperimentale e modellistica, e valutazioni di impatto.
L'ISAC è il principale Istituto del CNR per la ricerca nelle Scienze dell'Atmosfera, organizzato in 7 unità territoriali, 7 osservatori permanenti, che comprendono anche 2 Stazioni Globali del Programma Global Atmosphere Watch della World Meteorological Organization e 2 supersiti atmosferici.
L'ISAC è riconosciuto internazionalmente attraverso le sue collaborazioni con numerosi laboratori europei e centri di ricerca mondiali.

Meteo Sedi ISAC

icona meteo area

jobs

Abbonamento a jobs
Sorry, no open jobs at this time

News

Abbonamento a News

 Ricercatori ISAC fra gli attori individuati per disegnare un nuovo modello di mobilità sostenibile nell’ area metropolitana di Roma. In Campidoglio, 3 Dicembre 2018

 

Master

E' aperto il bando (scadenza: 15 dicembre 2018) per l'ammissione al Master di II Livello in "Meteorologia ed Oceanografia Fisica"
presso l'Università del Salento e l'Università Parthenope.
Il percorso formativo rientra pienamente tra quelli definiti dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM/WMO) per la formazione di base del Meteorologo/Meteorologist.
Gli studenti potranno seguire i corsi in due aule, in collegamento telematico fra di loro, a Lecce e Napoli, oppure seguire le lezioni offline o in streaming.

 Festival_Logo2018

L’Istituto ISAC ha partecipato al Festival della Meteorologia, tenutosi a Rovereto da 16 al 18 novembre 2018.
Due gli interventi in programma da parte dei ricercatori ISAC, rispettivamente di Silvio Davolio (Precipitazioni intense: Il contributo del programma HyMeX alla meteorologia nel Mediterraneo) e Maria Cristina Facchini (L’influenza dell’uomo sull’atmosfera della terra: qualità dell’aria e cambiamenti climatici).

Fair of European Innovators in Cultural Heritage

Organizzata dalla Commissione europea a Bruxelles il 15 e 16 novembre 2018, la fiera ha evidenziato come il patrimonio culturale può avere un ruolo trainante per l'innovazione e la creatività per migliorare la nostra vita, le nostre città, l'ambiente e il dialogo internazionale.

L'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima CNR-ISAC intende
precisare che il Professor Franco Prodi non e' Associato di Ricerca presso
l'Istituto, e che quindi le dichiarazioni apparse su diversi quotidiani
sono rilasciate a titolo personale, e non rispecchiano in alcun modo
l'opinione dell'Istituto stesso.

Pagine