L'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima (CNR-ISAC) promuove e sviluppa una comprensione scientifica integrata dell'atmosfera, dell’oceano e dei loro processi, tramite un approccio multidisciplinare che combina capacità scientifiche e tecnologiche nei settori della meteorologia, della climatologia, della dinamica dell'atmosfera, della composizione chimica, e dell'osservazione della terra, realizzando ricerca fondamentale teorica, sperimentale e modellistica, e valutazioni di impatto.
L'ISAC è il principale Istituto del CNR per la ricerca nelle Scienze dell'Atmosfera, organizzato in 7 unità territoriali, 7 osservatori permanenti, che comprendono anche 2 Stazioni Globali del Programma Global Atmosphere Watch della World Meteorological Organization e 2 supersiti atmosferici.
L'ISAC è riconosciuto internazionalmente attraverso le sue collaborazioni con numerosi laboratori europei e centri di ricerca mondiali.

Meteo Sedi ISAC

icona meteo area

jobs

Abbonamento a jobs
Sorry, no open jobs at this time

News

Abbonamento a News

In occasione della manifestazione sul clima, che ha già coinvolto un centinaio di nazioni, ISAC vuole dare il suo supporto al movimento spontaneo "Fridays For Future" nato sull'esempio della sedicenne Greta Thunberg.

Il TG2 Italia ha intervistato il dott. Stefano Federico (ISAC-CNR di Roma) su un approfondomento riguardante gli  incrementi delle zanzare dopo le ondate di calore inaspettate. L'intervista è accessibile a questo  LINK (al minuto 32:10)

ECRA, la European Climate Research Alliance, sta organizzando la Terza ECRA General Assembly che avrà luogo a Bruxelles il 27-28 febbraio 2019. Il tema scelto per questa GA è "Climate Change and Actionable Information”.  

testo in italiano su Bologna Today

Meteo: gelo e galaverna, il fenomeno della "nebbia ghiacciata" spiegato dall'esperto
„Due masse d'aria, una fredda e una calda, si giocano il tempo dei prossimi giorni“
 

Nota stampa sul sito CNR riporta lavoro di ricercatori ISAC

Il 2018 è stato l’anno più caldo dal 1800 ad oggi per l’Italia. Con una anomalia di +1.58°C sopra la media del periodo di riferimento (1971-2000) ha superato il precedente record del 2015 (+1.44°C sopra la media).

 

Pagine