L'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima (CNR-ISAC) promuove e sviluppa una comprensione scientifica integrata dell'atmosfera, dell’oceano e dei loro processi, tramite un approccio multidisciplinare che combina capacità scientifiche e tecnologiche nei settori della meteorologia, della climatologia, della dinamica dell'atmosfera, della composizione chimica, e dell'osservazione della terra, realizzando ricerca fondamentale teorica, sperimentale e modellistica, e valutazioni di impatto.
L'ISAC è il principale Istituto del CNR per la ricerca nelle Scienze dell'Atmosfera, organizzato in 7 unità territoriali, 7 osservatori permanenti, che comprendono anche 2 Stazioni Globali del Programma Global Atmosphere Watch della World Meteorological Organization e 2 supersiti atmosferici.
L'ISAC è riconosciuto internazionalmente attraverso le sue collaborazioni con numerosi laboratori europei e centri di ricerca mondiali.

News

Abbonamento a News

A partire dal 4 giugno 2019 un nuovo prodotto satellitare di stima della precipitazione istantanea è stato inserito nel servizio web di visualizzazione prodotti di EUMETSAT, EUMETView. Il prodotto satellitare è stato sviluppato nell’ambito della Satellite Application Facility in supporto all’Idrologia Operativa e alla Gestione delle Risorse Idriche (H SAF) di EUMETSAT. Il CNR-ISAC è membro del consorzio H-SAF con la responsabilità della gestione dello sviluppo degli algoritmi satellitari per la stima della precipitazione.

Una convenzione operativa fra il Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture (DIATI) del Politecnico di Torino e l’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima (ISAC), del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) promuove la collaborazione sui temi del monitoraggio, dell’adattamento e della mitigazione dei cambiamenti climatici globali.

Focus Live' 2019, il festival di divulgazione scientifica promosso dall'omonima testata del gruppo Mondadori, ha scelto Genova per la prima tappa del nuovo viaggio. Tema fondamentale della manifestazione è 'Come vogliamo vivere nel  2029?':  il clima, l’ambiente e gli ecosistemi saranno al centro delle attività

Proseguono a Fondazione Fico, gli incontri del progetto “Suoni d’Appennino – Potenzialità di un territorio da valorizzare”, promosso dalla Regione Emilia Romagna, dall’Università di Bologna e da UNCEM (https://www.suonidappennino.it/) inerenti l'Appennino ed il suo sviluppo sostenibile.

Il 30 maggio 2019 è in programma una tavola rotonda su "Montagne e cambiamenti climatici". Paolo Cristofanelli (CNR-ISAC) parlerà delle ricerche svolte presso l'osservatorio atmosferico "O. Vittori" di Monte Cimone

Proseguono a Fondazione Fico, gli incontri del progetto “Suoni d’Appennino – Potenzialità di un territorio da valorizzare”, promosso dalla Regione Emilia Romagna, dall’Università di Bologna e da UNCEM (https://www.suonidappennino.it/) inerenti l'Appennino ed il suo sviluppo sostenibile.

Il 30 maggio 2019 è in programma una tavola rotonda su "Montagne e cambiamenti climatici". Paolo Cristofanelli (CNR-ISAC) parlera' delle ricerche svolte presso l'osservatorio atmosferico "O. Vittori" di Monte Cimone

Pagine