L'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima (CNR-ISAC) promuove e sviluppa una comprensione scientifica integrata dell'atmosfera, dell’oceano e dei loro processi, tramite un approccio multidisciplinare che combina capacità scientifiche e tecnologiche nei settori della meteorologia, della climatologia, della dinamica dell'atmosfera, della composizione chimica, e dell'osservazione della terra, realizzando ricerca fondamentale teorica, sperimentale e modellistica, e valutazioni di impatto.
L'ISAC è il principale Istituto del CNR per la ricerca nelle Scienze dell'Atmosfera, organizzato in 7 unità territoriali, 7 osservatori permanenti, che comprendono anche 2 Stazioni Globali del Programma Global Atmosphere Watch della World Meteorological Organization e 2 supersiti atmosferici.
L'ISAC è riconosciuto internazionalmente attraverso le sue collaborazioni con numerosi laboratori europei e centri di ricerca mondiali.

Meteo Sedi ISAC

icona meteo area

jobs

Abbonamento a jobs
Sorry, no open jobs at this time

eventi futuri

News

Abbonamento a News

La prima edizione del Congresso Nazionale della Associazione Italiana Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (CN1-AISAM) si terrà a Bologna dal 10 al 13 settembre 2018.
LEGGI IL PROGRAMMA
link: https://eventi.unibo.it/aisam-cn1

Notte dei Ricercatori 2018 - SOCIETY

Prendete nota, la Notte Europea dei Ricercatori 2018 è in arrivo! Sono previste a Bologna moltissime iniziative che vedranno anche la partecipazione di alcuni ricercatori CNR-ISAC. Si tratta di un’iniziativa promossa dal 2005 dalla Commissione Europea che coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i paesi europei.

Per conoscere l'atmosfera, il suo stato di salute e l'attività di ricerca scientifica svolta a 2165 m di quota, sulla vetta di Mt. Cimone

L'equipe comprendente B.M. Dinelli, CNR-Isac, pubblica un articolo relativo alle impronte lunari di Giove sul numero del 5 luglio della rivista Science

 

Tre giorni per bruciarli, 74 anni per riportarli in vita, così si chiude il conto con la storia e l’ultima ferita bellica sul patrimonio artistico italiano viene finalmente rimarginata