L'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima (CNR-ISAC) promuove e sviluppa una comprensione scientifica integrata dell'atmosfera, dell’oceano e dei loro processi, tramite un approccio multidisciplinare che combina capacità scientifiche e tecnologiche nei settori della meteorologia, della climatologia, della dinamica dell'atmosfera, della composizione chimica, e dell'osservazione della terra, realizzando ricerca fondamentale teorica, sperimentale e modellistica, e valutazioni di impatto.
L'ISAC è il principale Istituto del CNR per la ricerca nelle Scienze dell'Atmosfera, organizzato in 7 unità territoriali, 7 osservatori permanenti, che comprendono anche 2 Stazioni Globali del Programma Global Atmosphere Watch della World Meteorological Organization e 2 supersiti atmosferici.
L'ISAC è riconosciuto internazionalmente attraverso le sue collaborazioni con numerosi laboratori europei e centri di ricerca mondiali.

Meteo Sedi ISAC

icona meteo area

jobs

Abbonamento a jobs
Sorry, no open jobs at this time

News

Abbonamento a News

Anche quest'anno l'ISAC sarà presente al Festivalmeteorologia
Ci saranno incontri e conferenze, ma anche attività didattiche e laboratori, oltre a spazi espositivi dedicati ad enti, aziende ed associazioni.

Paolo Bonasoni dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Isac-Cnr), spiega all'Adnkronos la particolare dinamica che rende la Pianura Padana una delle aree più colpite dallo smog, rivelando che già dal 13 ottobre scorso gli esperti dell'Isac-Cnr avevano registrato livelli di PM10 molto elevati.
Leggi l'articolo

La tracciabilità della misura e la qualità del dato sono requisiti essenziali richiesti dal WMO per il monitoraggio delle proprietà ottiche dell’aerosol atmosferico mediante reti internazionali di radiometri.
Per tale motivo ISAC ha organizzato nel mese di Ottobre 2017, la Ia Campagna Internazionale QUATRAM: QUAlity and TRaceabiliy of Atmospheric aerosol Measurements

Intervista al nostro collega Federico Fierli, Climatologo dell'ISAC-CNR, per approfondire il tema legato ai repentini cambi climatici distruttivi in aumento ed in particolare l'uragano Ophelia che sta colpendo le coste dell'Irlanda.

Link al servizio

La ricerca polare del CNR e dell'ISAC a Speciale Tg1, in un servizio di Paolo Giani realizzato lo scorso Maggio durante una della campagne di misura periodiche a cui il nostro istituto contribuisce in maniera attiva.
Guarda la puntata del programma

Pagine