Ricercare e Comunicare 2009-2019: 10 anni di ricerca al CNR

Nel 2009, nel corso della Giornata "Ricercare e Comunicare. Teorie e buone pratiche negli enti di ricerca", venivano presentati i risultati delle prime indagini sulla comunicazione della rete scientifica al CNR. Canali, obiettivi, strumenti, risorse, professionalità, competenze e aspettative degli attori coinvolti nel processo di comunicazione venivano scandagliati allo scopo di comprendere la misura e il senso - per i ricercatori - di un investimento in attività considerate per anni estranee o non prioritarie per la ricerca. Ne emergeva un quadro molto ricco e ancora poco strutturato, che lasciava intravedere nuovi ruoli per chi fa ricerca e nuove prospettive nel rapporto con la società.

A 10 anni di distanza, il contesto è cambiato in maniera radicale: nuovi strumenti, nuove modalità, nuovi attori. Sono gli stessi soggetti - pubblici e privati - che finanziano la ricerca scientifica ad aver reso inderogabile la richiesta di comunicare, chiedendo di andare oltre il trasferimento dei risultati e dei prodotti, e prediligendo pratiche capaci di aprire il processo stesso di ricerca al coinvolgimento di altri attori fin dalla costruzione della domanda di ricerca. Un FARE scienza CON e PER la società - per usare un'espressione introdotta dal Programma Quadro Europeo Horizon2020 e in particolare dall'approccio della Ricerca e Innovazione Responsabili (RRI) - dove tutti possano diventare co-responsabili dell'innovazione; dove la pluralità di conoscenze, esperienze, aspettative e visioni possa farsi garanzia di una nuova qualità della ricerca e delle politiche che ne derivano, come suggerisce la "scienza post-normale".

continua sul sito IREA